Ecco qua la pagella dei cosiddetti Test: regina di Ferrari e McLaren 1a

Il doppio virtuale Mercedes nell’ultima giornata di test non ha cambiato i fondamentali: delle tre grandi, la Ferrari è stata la più convincente in termini di affidabilità e facilità d’uso.

Anche la McLaren si è presentata immediatamente. Ma non fatevi illusioni e aspettate che il testo del Bahrain (10-12 marzo) sia corretto: una settimana dopo il primo GP, insieme ai team che hanno messo in pista macchine vere, scopriremo il vero equilibrio di potere.

La conclusione della prova di Montemelo ha confermato l’ottima forma di Cavallino. La Ferrari ha il maggior numero di giri e chilometri di qualsiasi vettura (oltre 2000 miglia), ha percorso più di sei Gran Premi in tre giorni e, francamente, per una vettura appena nata e così diversa dal passato, che è semplicemente orribile.

Il doppio virtuale Mercedes nell’ultima giornata di test non ha cambiato i fondamentali: delle tre grandi, la Ferrari è stata la più convincente in termini di affidabilità e facilità d’uso.

Anche la McLaren si è presentata immediatamente. Ma non fatevi illusioni e aspettate che il testo del Bahrain (10-12 marzo) sia corretto: una settimana dopo il primo GP, insieme ai team che hanno messo in pista macchine vere, scopriremo il vero equilibrio di potere.

La conclusione della prova di Montemelo ha confermato l’ottima forma di Cavallino. La Ferrari ha il maggior numero di giri e chilometri di qualsiasi vettura (oltre 2000 miglia), ha percorso più di sei Gran Premi in tre giorni e, francamente, per una vettura appena nata e così diversa dal passato, che è semplicemente orribile.

Ferrari, i sogni sono giusti

Siamo stati in grado di limitare notevolmente l’instabilità in rettilineo (gestione delle sospensioni, ndr) che causa problemi con tutte le nuove macchine. Il nostro obiettivo ora non è portare lo sviluppo al prossimo test, ma sviluppare l’auto al massimo delle sue potenzialità nella prima gara in Bahrain.

Combinato con un componente ibrido super-evolutivo, il motore termico sarà ora al livello di Mercedes e Honda in termini di potenza complessiva, quindi è un sogno plausibile che si avvera nel 2022. Scometti subito sul vincitore, gioca ora in www.sportaza.info tantissimi premi ti aspettano.

Mercedes-Benz, potenziale immaturo

L’inizio non è stato facile per l’otto volte campione del mondo. I flash di George Russell e Lewis Hamilton nell’ultimo giorno di test hanno confermato che la W13 è un progetto estremo con un enorme potenziale ma potrebbe essere ancora prematuro.

Questo spiega il problema di rallentare il sette volte iridato nella gara di giovedì, costringendo la squadra ad aprire varchi nella carrozzeria per evitare il surriscaldamento di componenti interni e propulsori. Sicuramente desideroso di vendicarsi di Max Verstappen e superare Michael Schumacher con otto titoli, Lewis avrebbe preferito meno ostacoli.

Lo ha confermato anche il giovane Russell: “Ferrari, McLaren e Red Bull sono davanti a noi in questo momento”. Ma è troppo presto per prevedere un inizio difficile per i campioni, come sarà nel 2021.

McLaren, il progetto è avanzato

Lando Norris ha iniziato a testare una nuova era della Formula 1 e il tempismo è stato immediatamente perfetto, dimostrando quanto bene fosse nata la McLaren MCL36.

“Preferirei essere l’ultimo piuttosto che il primo perché ora ci state facendo pressioni per dire che vinceremo la partita”, ha ammesso il cattivo britannico che ha fatto impazzire i bambini sui social media. Non c’è niente di scioccante nelle auto di James Key.

Nessuna aerodinamica intelligente in stile Newey da trovare. Tuttavia, il progetto sembra essere così avanti, come quello della Ferrari, che i tecnici sotto la direzione di Andreas Seidl hanno trovato rapidamente la giusta messa a punto del telaio e un’invidiabile affidabilità. Si dice che il fondo della McLaren sia uno dei migliori nello sfruttare l’effetto suolo.

Aston Martin, il glamour finisce con James Bond

Spicca la splendida divisa verde inglese. Ma il glamour finisce con il brand di James Bond. A giudicare dal tempo di Sebastian Vettel con le gomme supersoft, l’AMR22 non ha l’impressione della velocità della luce e i problemi di instabilità aerodinamica sono macro.

Il magnate Lawrence Stroll, alleato della Mercedes, è invece riuscito a inserire nei regolamenti una clausola per la realizzazione di gallerie del vento per sminuire il “budget cap”.

AlphaTauri, enorme potenziale

La sorellina della Red Bull sembra promettente. Molti chilometri senza il minimo problema e sembra molto potenziale. Questa potrebbe essere una sorpresa per la prima partita del Bahrain.

La rigorosa gestione di Franz Tost ha consolidato negli anni il team faentino. Chissà che l’attuale “budget cap” non dia le ali all’ambizione.

Haas, sponsor russo sconosciuto

Dopo lo scoppio della guerra ucraina, il colore russo era sbiadito dal corpo Haas-Ferrari, e chissà cosa ne sarebbe stato dei petrodollari che l’oligarca Dmitry Mazepin finanziò la squadra americana Gene Haas gestita da suo figlio Nikita.

Come se non bastasse, VF22 non funziona. Scommettere tutto sul progetto maledicendo il fatto che alla Coppa del Mondo 2021 abbiamo finalmente finito.

È improbabile che l’erede del campionato Mick Schumacher brilli davvero con queste premesse. Vuoi sapere qualcosa di Juventus-Fiorentina leggi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *