F1: Mattia Binotto accusa il calo prestazionale della Ferrari F1-75 ma non la strategia dei pneumatici

Nel GP d’Ungheria, Charles Leclerc è risultato avere una buona posizione per vincere, ma nonostante qualche passaggio a vuoto la Ferrari rimane la vettura più prestazionale. Su questo punto però, Mattia Binotto accusa le prestazioni della vettura piuttosto che la scelta delle gomme.

Le parole di Mattia Binotto

Dopo il GP che si è svolto in Ungheria, Mattia Binotto vuole vederci chiaro e analizzare le decisioni prese. Tuttavia dà la colpa alle prestazioni della Ferrari 71-75 e afferma che comunque qualsiasi pneumatico non avrebbe fatto la differenza. Inoltre Mattia Binotto, a riguardo ha dichiarato in un’intervista: ” Sicuramente ora, per analizzare l’accaduto ci vorrà molto tempo, io conosco bene quella vettura, e posso dire che non abbiamo proprio ottenuto quelle prestazioni che credevamo di poter avere. Nello stesso tempo, gli pneumatici, o morbidi, o medio duri non c’entrano nulla, il problema sono state principalmente le prestazioni della F71-75. Oggi l’auto non è andata molto bene e non è mai successo questo, quindi adesso dobbiamo capire il perchè”- sottolineato Mattia Binotto.

Mattia Binotto accusa l’auto per le mancate prestazioni 

Tutti  giocatori appassionati del gioco online, sulla piattaforma dedicata al digitale, possono trovare varietà di categorie di ogni tipo di gioco, inoltre, il sito offre bonus, ricchi premi e vantaggiose promozioni tutte da sfruttare, è consentito l’accesso al gioco in modalità live e dal mobile, dove per avere informazioni più dettagliate si può cliccare su powbet.info. Nonostante nel GP d’Ungheria Charles Leclerc abbia fatto una corsa eccellente perchè vicino alla vittoria per poco, Mattia Binotto nega l’evidenza. In effetti qui, spiega perché la squadra ha deciso di mettere sulla Ferrari 71-75 di Charles Leclerc i pneumatici duri commentando: Abbiamo montato le gomme dure semplicemente perchè sapevamo che hanno bisogno di tempo per surriscaldarsi, e comunque eravamo consapevoli che non potevano offrire una velocità eccessiva come quelle medie 10 o 11 giri e infatti non ha funzionato come credevamo e bisogna capire da dove proviene tutto questo. Sarà stata una scelta sbagliata, ma in primis è mancata la prestazione della macchina”- sottolinea il responsabile della Ferrari. Inoltre sempre nell’intervista ancora Binotto ha dichiarato: ” Di certo ultimamente sono frustrato perché conosco molto bene  il potenziale della Ferrari 71-75. Io penso che le prestazioni dell’auto abbiano condizionato il comportamento delle gomme, ma resta sempre il fatto che anche questo è da lavorarci su e migliorare per non farlo accadere di nuovo”.

Le parole del ferrarista Charles Leclerc

Per chi vuole fare il vino in casa, ci sono consigli utili sulla procedura, che per saperne di più si può andare su questo link. Il pilota monegasco Charles Leclerc, tuttavia non è rimasto molto soddisfatto al GP d’Ungheria dopo quello che è accaduto. In effetti alle parole di Mattia Binotto, anche lui dichiara qualcosa : ” Non sono rimasto affatto contento, andava tutto bene, la corsa, gli pneumatici medi, compresa la Ferrari! Anzi nel secondo stint è andata molto più a ritmo anche nella velocità! Ho provato a chiedere di andare più in là, ma poi si è deciso di arrivare sulle Hard e questo ci ha fatto perdere il GP” – ha sottolineato e concluso Charles Leclerc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.